Adorazione del giovedì santo 01/04/2021

 Adorazione del giovedì santo 1/4/2021
download                                         

La comunità di San+Bonifacio+%28Copy+2%29 ha vissuto questo momento importante in gioia e raccoglimento. E quest’anno, settimo centenario della morte di Dante Alighieri, abbiamo voluto coniugare il canto e la preghiera col ricordo del sommo poeta. E per farlo, ci siamo lasciati guidare dalla Lettera apostolica scritta da papa Francesco.

Tre le parti in cui abbiamo strutturato la serata: le nostre riflessioni sull’opera di Dante e sulla sua attualità; lettura di alcuni passi significativi dalla Commedia, alternati al canto e alla musica; lettura di alcuni passi dalla citata Lettera apostolica.

 

Riflessioni

 Il 25 marzo scorso, nel giorno in cui la Chiesa ricorda l’Annunciazione a Maria, papa Francesco scrive, per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, una Lettera apostolica con la quale, unendo la sua voce a quella di altri pontefici che in passato avevano celebrato l’opera di Dante, e dopo essersi congratulato con gli insegnanti per la loro capacità di comunicare con passione il messaggio di Dante, auspica però che l’immenso patrimonio dantesco, civile, morale, religioso, non rimanga confinato nelle aule scolastiche e universitarie, ma abbia massima diffusione anche in altri contesti.

 

Pertanto papa Francesco esorta, cito testualmente, “le comunità cristiane, soprattutto quelle presenti nelle città che conservano le memorie dantesche, le istituzioni accademiche, le associazioni e i movimenti culturali, a promuovere iniziative volte alla conoscenza e alla diffusione del messaggio dantesco nella sua pienezza” e, rivolgendosi poi agli artisti, li incoraggia a proseguire il cammino sulla via della bellezza intrapreso da Dante, dando voce con i più diversi linguaggi al messaggio universale del sommo poeta.

 

D’altronde il 25 marzo è anche, secondo alcuni studiosi, il giorno in cui Dante avrebbe iniziato il viaggio che egli immagina di compiere nei tre regni dell’Oltretomba: non era un momento qualsiasi e neanche un anno qualsiasi: era il 1300, l’anno del primo giubileo della storia, l’anno in cui Dante raggiunge la massima carica politica all’interno della sua città, il comune di Firenze; ed era primavera, il momento in cui rifiorisce la natura; ed era la settimana pasquale. Già, perché il viaggio immaginario di Dante, sebbene ci possa sembrare durato chissà quanto, tratti in inganno dai tre volumi della Divina Commedia, di scolastica memoria, in realtà ha la durata solo di una settimana, ma quella più importante per i cristiani, quella della Passione e Resurrezione di Gesù.

Ma che significato ha questo viaggio? Cosa può dire ancora oggi a noi l’opera di Dante? Perché a così tanti secoli di distanza ancora oggi a scuola si studia la Divina Commedia?

Partiamo dal contesto in cui Dante è inserito: il Medioevo, un’epoca che aveva visto il crollo dell’impero romano d’occidente, crollo politico innanzitutto, ma per conseguenza crisi di valori, crisi di certezze, senso di precarietà, di fragilità, di provvisorietà. Città devastate, regresso economico, povertà, la fine di un mondo provocata da quei “barbari” che i romani consideravano “altro”, “fuori dalla civiltà”.

E’ in questo contesto che la Chiesa tenta di sopperire al vuoto creatosi, portando conforto ed evangelizzazione, cultura e valori. Ed è per questo che il Medioevo è un momento storico intessuto di cristianità, pur non esente, in certi casi, da distorsioni ed errori che Dante, nella sua opera, non nasconde ma al contrario tratta con estrema passione verbale.

Dante ancora oggi è un esempio di moralità, di amore struggente per la propria patria, di fede incrollabile nei valori più alti; ed è anche colui che ha voluto trasmettere questo messaggio di civiltà e di rigenerazione morale: “Nel mezzo del cammin di nostra vita”, non “di mia vita”: il suo viaggio non è a titolo individuale, ma rappresenta l’umanità in cammino, l’umanità alla ricerca del suo fine ultimo, l’umanità che dalla selva intricata del peccato si dirige verso il colle luminoso della salvezza, della redenzione dell’anima. E’ un viaggio verticale dalle brutture, dal dolore, dalla dannazione dell’inferno al fulgore del Paradiso e dei misteri più profondi, come quello della Trinità e dell’Incarnazione.

E questo Dante in cammino non è un supereroe dotato di super poteri, è un uomo con tutte le sue fragilità. Intanto egli immagina di compiere il suo viaggio da vivo, in carne e ossa, un uomo che piange, si commuove, sviene, soffre del dolore, partecipando emotivamente alla sofferenza dei dannati, all’attesa delle anime purganti, alla gioia ineffabile dei beati.

Papa Francesco definisce Dante “profeta di speranza e testimone della sete di infinito insita nel cuore dell’uomo”. La sua missione è universale, il suo messaggio è universale: da una parte le sue vicende personali, e soprattutto il suo esilio forzato dalla sua città, con la nostalgia struggente che ne derivò, non lo portarono mai a scendere a compromessi che ledessero la sua dignità di persona; dall’altra l’altissimo valore dato alla poesia lo portarono, in un’epoca in cui la lingua della cultura era il latino, a scegliere di scrivere la sua opera maggiore in volgare, perché egli voleva parlare a tutti, e non a pochi, e per questo è considerato padre della letteratura e della lingua italiana.

Ecco cosa può dire a noi ancora oggi Dante, ecco l’attualità del suo pensiero, così adeguato a questo drammatico momento storico che stiamo vivendo ormai da più di un anno: l’importanza del senso civico, del senso di responsabilità verso noi stessi e verso il contesto cui apparteniamo, la coerenza con i propri principi, il non venire meno alla propria dignità di esseri umani, ma anche l’umiltà in un cammino dove ragione e fede devono coordinarsi, perché la sola ragione non può condurci al termine del viaggio, e i misteri più profondi necessitano di un atto di fede profonda, che sia guida inseparabile nel viaggio quotidiano della vita.

Lettura e canto

Il coro canta “Cristo re”

Canto XXXIII Paradiso:

Dante, nell’Empireo, sede di Dio e della candida rosa dei beati, si approssima ai misteri più alti e prega che anche solo una piccola parte dell’ineffabile esperienza possa restare nella sua mente e che la sua lingua riesca a comunicare anche solo un barlume ai posteri di ciò che ha visto.

O somma luce che tanto ti levi
da’ concetti mortali, a la mia mente23
ripresta un poco di quel che parevi,

e fa la lingua mia tanto possente,
ch’una favilla sol de la tua gloria
possa lasciare a la futura gente;…

Oh abbondante grazia ond’ io presunsi

ficcar lo viso per la luce etterna,

tanto che la veduta vi consunsi!

 

Il coro canta “Misericordia sei”

Canto III Purgatorio

 

Dante si trova nell’Antipurgatorio ed incontra le anime degli scomunicati: ribelli e disubbidienti in vita, adesso espiano, procedendo lentamente e mansueti come pecore. Incontro con Manfredi, figlio di Federico II di Svevia, che dichiara di essere stato grande peccatore, ma il pentimento gli fa attendere l’abbraccio misericordioso del Padre.

Poscia ch’io ebbi rotta la persona3
di due punte mortali, io mi rendei,
piangendo, a quei che volontier perdona.

Orribil furon li peccati miei;
ma la bontà infinita ha sì gran braccia,
che prende ciò che si rivolge a lei.

 

Il coro canta “Dio è amore”

Canto XXXIII Paradiso

 

Dante, nell’Empireo, sede di Dio e della candida rosa dei beati, penetra i misteri profondi della fede: l’Unità dell’essenza divina, al cui interno trova compattezza tutto ciò che nell’universo è sparso; la Trinità: Dante vede nella profonda essenza divina tre cerchi di tre colori e di una sola dimensione; l’Incarnazione: il volto umano di Gesù nel secondo dei tre cerchi. Il viso del poeta rimane fisso in questo volto.

 

Unità

Nel suo profondo vidi che s’interna,

legato con amore in un volume,

ciò che per l’universo si squaderna.

Trinità

Ne la profonda e chiara sussistenza

de l’alto lume parvermi tre giri

di tre colori e d’una contenenza.

23 1
Incarnazione: nel secondo dei tre cerchi divini Dante vede un volto umano

Quella circulazion…

dentro da sé, del suo colore stesso,
mi parve pinta de la nostra effige:
per che ‘l mio viso in lei tutto era messo.

 

 

Il coro canta “Abbà, Padre”

Canto XI Purgatorio

 

Superata la porta del Purgatorio, Dante si trova nella I cornice, dove incontra i superbi, che procedono pregando il Padre nostro, e dichiarando la propria fragilità: nonostante gli sforzi, essi non potranno, senza l’aiuto di Dio, raggiungere la pace del Suo regno; senza il cibo spirituale, nell’aspro deserto della loro condizione, rischia di andare indietro chi pur si affanna ad andare avanti.

Vegna ver’ noi la pace del tuo regno,11

ché noi ad essa non potem da noi,

s’ella non vien, con tutto nostro ingegno…

Dà oggi a noi la cotidiana manna,

sanza la qual per questo aspro diserto

a retro va chi più di gir s’affanna.

 

Il coro canta “Io credo in te”

Canto XI Paradiso

 

Dante si trova nel quarto cielo, quello del Sole, ed incontra gli spiriti sapienti. Lode del binomio S. Francesco-Povertà: la loro concordia, i loro volti gioiosi, l’amore ed il reciproco stupore hanno prodotto pensieri santi. Francesco, per seguire la donna Povertà, è entrato in conflitto con il padre. Attraverso il personaggio di San Francesco, Dante vuole condannare la logica mercantile del danaro, tipica del modello borghese del tempo.

La lor concordia e i lor lieti sembianti,

amore e maraviglia e dolce sguardo

facieno esser cagion di pensier santi.11 parad

 

Qualche verso prima:

chè, per tal donna, giovinetto, in guerra

del padre corse….

 

Il coro esegue un sottofondo

Canto XXXIII Paradiso

 

Il sì di Maria è centrale nel progetto divino. Lei, figlia e madre al tempo stesso, è meta prefissata del decreto divino. La sua umiltà e profondità ha reso nobile a tal punto la natura umana che il Creatore non ha disdegnato di diventare creatura, incarnandosi nel suo grembo. Quest’ultimo è il luogo in cui si è riacceso infatti l’amore tra Dio e l’umanità, dopo il peccato originale, ed il suo calore ha fatto fiorire la rosa dei beati. Fiaccola di carità per i beati, speranza senza fine per i mortali, Ella è intermediaria tra Dio e l’umanità: chi desidera una grazia, non può che rivolgersi a lei. Non farlo equivale a “volare senza ali”. Misericordiosa e benigna, Ella a volte opera ancor prima di essere pregata. In lei si raduna tutto ciò che di buono c’è in una creatura.

Passo di altissima teologia e sapienza poetica: Dante è nell’Empireo e, affinchè egli possa godere della visione dei misteri più alti senza restarne sconvolto, san Bernardo prega la Vergine con queste parole:

«Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura,
termine fisso d’etterno consiglio,

tu se’ colei che l’umana natura23 1
nobilitasti sì, che ‘l suo fattore
non disdegnò di farsi sua fattura.

Nel ventre tuo si raccese l’amore,
per lo cui caldo ne l’etterna pace
così è germinato questo fiore.

Qui se’ a noi meridïana face
di caritate, e giuso, intra ‘ mortali,
se’ di speranza fontana vivace.

Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
che qual vuol grazia e a te non ricorre,
sua disïanza vuol volar sanz’ ali.

La tua benignità non pur soccorre
a chi domanda, ma molte fïate
liberamente al dimandar precorre.

In te misericordia, in te pietate,
in te magnificenza, in te s’aduna
quantunque in creatura è di bontate.

 

Il coro canta “Questo io credo”

Canto XXIV Paradiso

 

Dante è nell’ottavo cielo (il cielo delle stelle fisse): il suo credo è basato su quanto trasmesso dall’Antico Testamento e sul Vangelo: esso è “fiamma viva portatrice di fede”

 

Io credo in uno dio24

Solo ed etterno, che tutto ‘l ciel move…

Per Mosè, per profeti e per salmi,

per l’Evangelio…

Quest’è il principio, quest’è la favilla

Che si dilata in fiamma poi vivace,

e come stella in cielo in me scintilla..

e credo in tre persone etterne, e queste

credo una essenza sì una e sì trina….

 

 

Il coro esegue un sottofondo

Canto XIV Paradiso

 

Dante si trova nel quarto cielo, quello del Sole, ed incontra gli spiriti sapienti. Tra essi, Salomone, antico re d’Israele, fa riferimento al momento in cui le loro anime si riuniranno ai loro corpi, dopo il Giudizio, e ciò renderà completa la loro persona. Le anime rispondono “Amen” con prontezza, manifestando il desiderio di riprendere i loro corpi, e non solo per se stesse, ma per tutti coloro che hanno amato, prima di diventare luci eterne. Il passo prefigura la gioia della Resurrezione.

 

(Salomone parla)

Come la carne glorïosa e santa

fia rivestita, la nostra persona14

più grata fia per esser tutta quanta.

Tanto mi parver sùbiti e accorti

e l’uno e l’altro coro a dicer «Amme!»,

che ben mostrar disio d’i corpi morti:

forse non pur per lor, ma per le mamme,

per li padri e per li altri che fuor cari

anzi che fosser sempiterne fiamme.

 

Lettura del passo dalla Lettera apostolica di Papa Francesco sul dono della libertà di scelta.

 

 

Di Angela De Salvo

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per raccogliere e analizzare informazioni sulle prestazioni e sull'utilizzo del sito, per fornire funzionalità di social media e per migliorare e personalizzare contenuti e pubblicità presenti.
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active
La nostra Cookie Policy ha l’intento di descrivere le tipologie di cookie utilizzati dalla nostra applicazione https://www.sanbonifaciopomezia.it le finalità, la durata e le modalità con cui l’Utente può gestire i cookie presenti. Il titolare del trattamento dei dati personali è la Parrocchia di San Bonifacio Via Singen, 99, 00071 Pomezia RM Italia sanbonifaciopomezia@gmail.com.
  1. COSA SONO I COOKIEI cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che vengono memorizzate sul dispositivo dell'Utente quando naviga in rete. I cookie hanno lo scopo di raccogliere e memorizzare informazioni relative all’Utente al fine di rendere l’Applicazione più semplice, più veloce e più aderente alle sue richieste.Con il termine cookie si vuol far riferimento sia agli stessi cookie sia a tutte le tecnologie similari.L'Utente può bloccare i cookie, eliminarli o disattivarli nelle impostazioni del dispositivo o del browser come di seguito indicato nel paragrafo relativo a “Gestione dei cookie”.
  2. TIPOLOGIE DI COOKIE USATI DA QUESTA APPLICAZIONEQuesta Applicazione usa i seguenti cookie:
    1. Cookie tecnici di prima parte: sono cookie che appartengono al Titolare dell’Applicazione e che raccolgono dati dell’Utente accessibili solo al Titolare. L’Applicazione usa questi cookie per svolgere attività strettamente necessarie al funzionamento dell’Applicazione e all’erogazione del servizio o per raccogliere informazioni, in forma aggregata e anonima, per finalità statistiche. Questi cookie non profilano l’Utente. Per l’uso di questi cookie non è richiesto il consenso dell’Utente.
    2. Cookie di terza parte: sono cookie che appartengono a fornitori esterni e sui quali il Titolare dell’Applicazione non ha il controllo diretto. Questi cookie raccolgono dati dell’Utente che sono accessibili al fornitore del cookie. A seconda della loro finalità questi cookie possono svolgere attività strettamente necessarie al funzionamento dell’Applicazione, raccogliere dati per creare un profilo personale dell’Utente o essere impostati per altre finalità e modalità di trattamento. Per maggiori informazioni si consiglia di consultare con attenzione le privacy policy dei fornitori dei cookie sotto elencati:
      • Google Analytics con IP anonimizzatoGoogle Analytics è un servizio di analisi statistica fornito da Google Inc. che usa i cookie per misurare le visite e l’utilizzo dell’Applicazione da parte degli Utenti. Google dichiara che i dati raccolti non consentono di effettuare profilazione dell’Utente poiché riceve l’indirizzo IP degli Utenti anonimizzato e altri dati anonimi che non possono identificare l’Utente. Per l’uso di questi cookie non è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.Per maggiori informazioni, consultare la pagina:https://policies.google.com/privacy
      • Facebook Ads monitoraggio conversioni (pixel di Facebook)Il monitoraggio conversioni di Facebook Ads (pixel di Facebook) è un servizio fornito da Facebook, Inc. che fornisce le statistiche e traccia le azioni dell’Utente dopo che ha cliccato sugli annunci gestiti da Facebook.Per l’uso di questi cookie è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.Per maggiori informazioni, consultare la pagina:https://www.facebook.com/about/privacy/
      • Tawk.to fornito da Tawk.to Inc.servizio di live chat per interagire con gli UtentiPer maggiori informazioni, consultare la pagina:https://www.tawk.to/privacy-policy/
      • Hotjar fornito da Hotjar Limitedvisualizzazione del comportamento sull'utilizzo dell'Applicazione da parte degli utenti per permetterci di migliorare il servizio e identificare problemi tecniciPer maggiori informazioni, consultare la pagina:https://www.hotjar.com/legal/policies/privacy/
      • Braintree Payments fornito da PayPal (Europe) S.à r.l. et Ciegestione esterna di pagamenti tramite carta di creditoPer maggiori informazioni, consultare la pagina:https://www.paypal.com/us/webapps/mpp/ua/privacy-full
      • Send In Blue fornito da SendinBlue SASinvio di newsletter ed emailPer maggiori informazioni, consultare la pagina:https://it.sendinblue.com/legal/privacypolicy/
      • Profitwell fornito da 200 OK, LLCmonitoraggio dei pagamenti e delle attività degli utenti sul SitoPer maggiori informazioni, consultare la pagina:https://www.profitwell.com/privacy-policyPer l’uso di questi cookie è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.
      • LinkedIn Insight fornito da LinkedIn Corporationreporting approfondito delle campagne e ottenere informazioni sugli Utenti dell'ApplicazionePer maggiori informazioni, consultare la pagina:https://www.linkedin.com/legal/privacy-policyPer l’uso di questi cookie è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.
      • Google Adwords RemarketingGoogle Adwords Remarketing è un servizio fornito da Google Inc. che usa i cookie per studiare e migliorare la pubblicità al fine di inviare all’Utente messaggi in linea con i propri interessi. Il remarketing aiuta a raggiungere gli Utenti che hanno visitato l’Applicazione.Per l’uso di questi cookie è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.Per maggiori informazioni, consultare la pagina:https://policies.google.com/privacy
      • Google AdWords con monitoraggio conversioniGoogle AdWords con monitoraggio conversioni è il servizio di Google Inc. che traccia le azioni dell’Utente dopo che ha cliccato sugli annunci pubblicitari gestiti da Google.Per l’uso di questi cookie è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.Per maggiori informazioni, consultare la pagina:https://policies.google.com/privacy
      • Facebook RemarketingFacebook Remarketing è un servizio fornito da Facebook, Inc. che collega l’attività di questa Applicazione con il network di advertising di Facebook.Per l’uso di questi cookie è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.Per maggiori informazioni, consultare la pagina:https://www.facebook.com/about/privacy/
      • Bing Ads con monitoraggio conversioniBing Ads con monitoraggio conversioni è il servizio di Microsoft Corporation che traccia le azioni dell’Utente dopo che ha cliccato sugli annunci pubblicitari gestiti da Microsoft.Per maggiori informazioni, consultare la pagina:https://privacy.microsoft.com/it-it/privacystatementPer l’uso di questi cookie è richiesto il preventivo consenso dell’Utente.
  3. DURATA DEI COOKIEI cookie hanno una durata dettata dalla data di scadenza o da un’azione specifica, come la chiusura del browser impostata al momento dell’installazione. I cookie possono essere:
    • temporanei o di sessione:sono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, consentono di collegare le azioni eseguite durante una sessione specifica e vengono rimossi dal dispositivo dell’Utente alla chiusura del browser;
    • persistenti:sono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l’Utente debba digitarli nuovamente ogni volta che visita un sito specifico. Questi rimangono memorizzati nel dispositivo dell’Utente anche dopo aver chiuso il browser.I cookie di profilazione sono memorizzati sul dispositivo dell’Utente per un periodo non superiore a 12 mesi. Allo scadere di tale termine verrà riproposto all’Utente il banner tramite cui sarà necessario manifestare nuovamente il consenso all’utilizzo di questi cookie.
  4. GESTIONE DEI COOKIEL’Utente può gestire le preferenze relative ai cookie direttamente all’interno del proprio browser ed impedire che terze parti possano installare i cookies. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i cookie installati in passato, incluso il cookie in cui è stato eventualmente salvato il consenso. Disabilitando tutti i cookie, il funzionamento di questa Applicazione potrebbe risultare compromesso.L'Utente può cancellare tutti i cookie presenti sul suo dispositivo semplicemente selezionando, sul proprio browser, le impostazioni che consentono di rifiutarli. Ogni browser ha specifiche istruzioni di configurazione che possono essere trovati sul sito internet del fornitore del browser ai seguenti link:
  5. DIRITTI DELL’UTENTEGli Utenti possono esercitare determinati diritti con riferimento ai dati personali trattati dal Titolare. In particolare, l’Utente ha il diritto di:
    • revocare il consenso in ogni momento;
    • opporsi al trattamento dei propri dati personali;
    • accedere ai propri dati personali;
    • verificare e chiedere la rettificazione;
    • ottenere la limitazione del trattamento;
    • ottenere la cancellazione o rimozione dei propri dati personali;
    • ricevere i propri dati personali o farli trasferire ad altro titolare;
    • proporre reclamo all’autorità di controllo della protezione dei dati personali e/o agire in sede giudiziale.Per esercitare tali diritti, scrivere al Titolare: sanbonifaciopomezia@gmail.com. Le richieste sono effettuate a titolo gratuito ed evase dal Titolare nel più breve tempo possibile, in ogni caso entro 30 giorni.
Ultimo aggiornamento: 09/03/2021
Save settings
Cookies settings